Domande frequenti

Tutto quello che vuoi sapere sui corsi di Lingua IT, sulla scuola e su molto altro…

Tutti gli studenti dovrebbero iniziare i corsi nelle date specificate nel calendario. Se non ti è possibile iniziare un corso in queste date e non sei un principiante, puoi iniziare ogni lunedì. Se desideri prendere delle lezioni private, puoi cominciare quando vuoi.

Per questi corsi di cultura, specifici o laboratori puoi iniziare quando preferisci.

Le lezioni, anche il primo giorno di corso, iniziano alle ore 9.00

Gli studenti non principianti devono fare un test scritto e sostenere un colloquio con un insegnante, per essere valutati nel livello di conoscenza della lingua italiana e inseriti in una classe con simili capacità linguistiche.

Solo una penna e i tuoi effetti personali, la scuola penserà al resto!

Il primo giorno di corso. Ricordati che puoi pagare in contante, con carta di credito VISA e MASTERCARD.

Dipende dalla soluzione che hai scelto. La segreteria ti darà maggiori informazioni al momento dell’iscrizione.

Sì, ma devi comunicarlo sia alla segreteria della scuola che direttamente al proprietario almeno una settimana prima.

No, sono fornite dal proprietario dell’alloggio.

Sì, le spese sono comprese, eccetto il telefono naturalmente.

Sì, ma solo per le lenzuola e gli asciugamani. Per i tuoi indumenti, se vivi in famiglia, puoi usare la lavatrice della casa. Se nel tuo appartamento non c’è la lavatrice, puoi andare in una lavanderia automatica e fare il tuo bucato.

L’elettricità in Italia funziona a 220 Volts. Per usare qualsiasi apparecchio elettrico è sufficiente un adattatore che puoi trovare in qualsiasi negozio di elettrodomestici.

I telefoni pubblici in Italia funzionano con le schede telefoniche che si possono acquistare nelle tabaccherie o nei bar. Tutti i telefoni sono abilitati ad effettuare chiamate internazionali.

Di solito nel conto del ristorante è già incluso il servizio che è del 10-15%, ma il cameriere sarà felice di avere una piccola mancia.

1 gennaio (Capodanno), 6 gennaio (Epifania), una domenica di marzo o aprile (Pasqua), il lunedì dopo Pasqua, 25 aprile (Liberazione), 1 maggio (Festa del lavoro), 2 giugno (Festa della Repubblica), 15 agosto (Ferragosto), 1 novembre (Ognissanti), 8 dicembre (Immacolata), 25 dicembre (Natale), 26 dicembre (S. Stefano).

No, sono considerati feste nazionali, pertanto la scuola non recupererà né rimborserà tali giorni.

Hai altre domande?

Per ogni dubbio, richiesta o informazione ti aspettiamo in segreteria

Iscriviti alla nostra newsletter